Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Para e Special Climbing

L'attività con ragazzi con disabilità inizia nei primi anni del 2000, principalmente come attività scolastica ed è nel 2008 che per la prima volta in occasione dei Campionati studenteschi il MIUR riconosce ufficialmente le categorie per studenti con disabilità.

Nel 2010 la FASI ottiene il riconoscimento ufficiale da parte del CIP, Comitato Italiano Paralimpico e nello stesso anno in provincia di Bologna viene organizzato il primo Campionato Italiano riservato ad atleti con disabilità.

E' nel 2017 che viene firmato il protocollo d'intesa con la FISDIR, la federazione che si occupa dell'attività sportiva agonistica per gli atleti con disabilità intellettiva relazionale.

La FASI quindi riconosce diverse categorie di disabilità: si parla quindi di:

SPECIALCLIMBING per le categorie di disabilità intellettivo relazionali (ad oggi, visto il numero esiguo di partecipanti alle gare vengono suddivisi semplicemente in categoria atleti e categoria promozionale. In futuro si riconosceranno categorie per atleti autistici con diverso livello di funzionamento, atleti con sindrome di Down e atleti con ritardo cognitivo).

PARACLIMBING si riferisce agli atleti con disabilità visive e motorie.

Le disabilità visive a loro volta vengono suddivise in:

  • B1 ciechi
  • B2 ipovedenti con acuità visiva di 1/20 e/o campo visivo di 5 gradi
  • B3 ipovedenti con acuità visiva di 1/10 e/o campo visivo di 20 gradi

Le disabilità motorie a loro volta sono suddivise in Amputati:

di arto superiore (AU1 amputazione sopra il gomito, AU2 amputazione sotto al gomito) 

di arto inferiore (AL: sono nella stessa categoria AL2 gli atleti amputati di una gamba, sia sopra che sotto al ginocchio, gli AL1 sono gli atleti con amputazione completa di entrambi gli arti inferiore e per “estensione” a questa categoria appartengono gli atleti paraplegici (categoria Sitting).

Rp sono le categorie con disabilità riguardante l'ampiezza del movimento “Range of movement” o riduzioni di forza Power a causa di patologie, paralisi spastiche o flaccide ecc. Il numero 1 che segue caratterizza gli atleti con patologie più gravi (es. cerebrolesioni, atassia, ecc.) , il numero 2 e 3 riguarda atleti con patologie meno gravi.